Sei qui:   Home

Iran: impiccata Reyhaneh Jabbari
 per l’uccisione dell’ uomo che voleva stuprarla

Sabato 25 Ottobre 2014 11:11 REDAZIONE
Stampa PDF

Reyhaneh Jabbari è stata impiccata. L’esecuzione della giovane di 26 anni, è avvenuta nel carcere di Teheran per l’uccisione dell’uomo che aveva tentato di stuprarla.

Ultimo aggiornamento ( Sabato 25 Ottobre 2014 11:24 ) Leggi tutto...
 

Papa Francesco: “Abolire la pena di morte : ergastolo è pena di morte nascosta”

Venerdì 24 Ottobre 2014 14:35 REDAZIONE
Stampa PDF

Papa Francesco Bergoglio ha chiesto con forza agli Stati che l’hanno ancora, di abolire la “pena di morte, legale o illegale che sia, e in tutte le sue forme”.

Leggi tutto...
 

Meno aborti in Italia, 102mila seicento (-4,2%) nel 2013

Mercoledì 22 Ottobre 2014 17:00 REDAZIONE
Stampa PDF

E’ in costante diminuzione il numero di aborti in Italia, resta invece alto quello degli obiettori di coscienza (ginecologi, anestesisti e infermieri).

Leggi tutto...
 

Giornalista di una tv iraniana muore in incidente in Turchia: si sospetta attentato

Mercoledì 22 Ottobre 2014 16:27 ALESSANDRA BOGA
Stampa PDF

Serena Shim, questo era il suo nome, denunciava le ambiguità del Paese sull’assedio della zona di Kobane da parte dell’Isis.

Leggi tutto...
 

Facebook e Apple danno incentivi finanziari alle dipendenti che decidono di congelare i propri ovuli per posticipare la maternità a favore della carriera

Giovedì 16 Ottobre 2014 16:25 REDAZIONE
Stampa PDF

Le dipendenti di Apple e Facebook potranno decidere di congelare i propri ovuli – rimandando, di fatto, la maternità – per dedicarsi anima e corpo alla carriera, tutto pagato dai rispettivi datori di lavoro che riconoscono particolari incentivi economici a chi compia questa scelta.

Leggi tutto...
 

Il coraggio delle guerriere curde contro l’Isis

Venerdì 10 Ottobre 2014 21:38 ALESSANDRA BOGA
Stampa PDF

Molto risalto in questi mesi sta avendo sui media (ma soprattutto in rete) il coraggio delle guerriere curde peshmerga che combattono l’Isis in Iraq e in Siria.

Leggi tutto...
 

La Cassazione scopre lo stupro “attenuato”: un passo indietro per le donne, una perdita di civiltà

Domenica 05 Ottobre 2014 15:19 VERA FISOGNI *
Stampa PDF

La notizia dell’annullamento in appello di una condanna  per stupri plurimi attuati dal marito in stato di ebbrezza ai danni della moglie (sentenza n.39445/14 della terza sezione penale della Corte di Cassazione di Venezia, depositata il 25 settembre scorso) produce forte sconcerto.

Leggi tutto...
 

“Articolo 18, con la modifica colpiti lavoratori deboli e stranieri” :Associazione Studi Giuridici Immigrazione

Lunedì 29 Settembre 2014 23:54 Avv.ALBERTO GUARISO
Stampa PDF

Saranno soprattutto i soggetti deboli a essere colpiti dall’annunciata modifica dello Statuto dei lavoratori. A fare le spese della riforma dell’articolo 18 annunciata dal presidente del Consiglio Matteo Renzi, saranno i lavoratori meno qualificati, e in particolare gli stranieri.

 

 

Ultimo aggiornamento ( Venerdì 03 Ottobre 2014 09:56 ) Leggi tutto...
 

Stupri: per la Cassazione possibili le attenuanti anche se c’è un rapporto completo e violento

Venerdì 26 Settembre 2014 23:52 REDAZIONE
Stampa PDF

Secondo i giudici di Cassazione, gli imputati di stupro possono ottenere l’attenuante e lo sconto di pena, per aver commesso un fatto di minore gravità, anche nel caso di violenze carnali complete con la sopraffazione fisica della donna e della sua dignità.

Ultimo aggiornamento ( Sabato 27 Settembre 2014 15:35 ) Leggi tutto...
 

Regioni, la fecondazione eterologa costerà tra i 400 e i 600 euro': in Lombardia invece fino a 6mila euro

Venerdì 26 Settembre 2014 08:46 REDAZIONE
Stampa PDF

"La fecondazione eterologa costerà tra i 400 e i 600 euro". Lo ha dichiarato oggi il presidente della Conferenza delle Regioni Sergio Chiamparino. "E' stata definita - ha spiegato - una tariffa unica".

Leggi tutto...
 

Divorziati risposati e omosessuali, i punti controversi che saranno tema di ricerca e discussione per il prossimo sinodo del 2015

Giovedì 23 Ottobre 2014 15:22 REDAZIONE
Stampa PDF

«Pubblicate tutto. La Relatio , la discussione, i voti punto per punto. Tutto». La decisione di Papa Bergoglio è inaspettata e senza precedenti.

Leggi tutto...
 

Sinodo: nessuna analogia tra unioni omosessuali e il disegno di Dio sul matrimonio e la famiglia. Nondimeno gli uomini e le donne omosessuali devono essere accolti con rispetto e delicatezza evitando ogni discriminazione

Domenica 19 Ottobre 2014 21:49 redazione
Stampa PDF

Ecco i resoconti ufficiali dei problemi maggiormente discussi dai padri sinodali:unioni omosessuali, divorziati risposati.

Ultimo aggiornamento ( Domenica 19 Ottobre 2014 22:23 ) Leggi tutto...
 

Il giudici annullano la trascrizione nei registri del Comune di Grosseto delle nozze gay – A Milano trascritti sette matrimoni

REDAZIONE
Stampa PDF

I giudici di appello di Firenze annullano la trascrizione nel registro civile del Comune di Grosseto delle nozze celebrate nel 2012 negli Usa fra due cittadini italiani dello stesso sesso, Giuseppe Chigiotti e Stefano Bucci .

Leggi tutto...
 

Malala vince finalmente il premio Nobel per la Pace - Ma i talebani si fanno sentire: “E’ nemica dell’islam, per lei coltelli affilati e lucenti”

Giovedì 16 Ottobre 2014 11:06 amministratore
Stampa PDF

Lo scorso anno aveva suscitato una certa delusione il fatto che Malala Yousafzai, la ragazzina pakistana che è stata quasi uccisa dai talebani il 9 ottobre del 2012 perché sostiene il diritto allo studio per le bambine, non avesse vinto il Nobel per la Pace.

Leggi tutto...
 

Alfano: “Prefetti, cancellate nozze gay” - Milano, Bologna e altri Comuni contro il Viminale - Usa, la Corte suprema apre ai matrimoni gay

Mercoledì 08 Ottobre 2014 08:43 REDAZIONE
Stampa PDF

Il ministro dell'Interno  ha indirizzato ai Prefetti una circolare in base alla quale provvedano a cancellare le nozze celebrate all’estero fra cittadini italiani dello stesso sesso trascritte sui registri di stato civile.

Leggi tutto...
 

L’Ue finanzierà nel 2015 un programma da 7 milioni di euro per la parità di genere in Tunisia

Giovedì 02 Ottobre 2014 17:37 ALESSANDRA BOGA
Stampa PDF

L’agenzia di stampa ANSAmed ha reso noto che l’Unione europea nel 2015 finanzierà un programma da 7 milioni di euro per sostenere una maggiore parità di genere in Tunisia, sarà un programma su scala nazionale, regionale e locale.

Leggi tutto...
 

La forza dei dati: 20mila licenziati all’anno, solo un quarto torna in azienda

Domenica 28 Settembre 2014 11:56 (Stralci, da la Stampa 27 settembre 2014) di ROBERTO GIOVANNINI
Stampa PDF

Consultando gli unici dati disponibili, quelli del ministero del Lavoro, possiamo dire soltanto che dall’agosto del 2012 (data di entrata in vigore della riforma Fornero del mercato del lavoro) fino al giugno 2014, 39.405 lavoratori sono passati per i meccanismi giudiziari previsti dalla legge.

Ultimo aggiornamento ( Domenica 28 Settembre 2014 12:46 ) Leggi tutto...
 

Cella troppo piccola, detenuto risarcito a Padova e sconto sulla pena

Venerdì 26 Settembre 2014 09:24 REDAZIONE
Stampa PDF

Prima applicazione in Italia, al tribunale di Venezia, del decreto imposto dall’Unione europea contro la “detenzione inumana”: un detenuto non aveva i tre metri minimi di spazio, è risarcito con 4.808 euro e con lo sconto di dieci giorni di pena sui 100 che gli restavano da scontare.

Leggi tutto...
 

Cognome ai figli, pronta la legge: ok anche quello della madre

Venerdì 26 Settembre 2014 08:21 REDAZIONE
Stampa PDF

In arrivo la proposta che cambierà il patronimico. Per i figli si potrà optare per il nome di famiglia paterno, materno, oppure per entrambi; inoltre non ci sarà nessun divieto alla preferenza per il cognome della madre.In arrivo la proposta che cambierà il patronimico. Per i figli si potrà optare per il nome di famiglia paterno, materno, oppure per entrambi; inoltre non ci sarà nessun divieto alla preferenza per il cognome della madre.

Leggi tutto...
 

Notizie dalla Rete

PSICOLOGA- PSICOTERAPEUTA

ANNA MARUZZI

Psicologa e psicoterapeuta, dopo la laurea in psicologia clinica presso l'Università degli Studi di Padova si è specializzata come psicoterapeuta presso lo Studio di Psicodramma di Milano. Svolge attività clinica individuale, di coppia e di gruppo. Conduce gruppi terapeutici, di supervisione e formazione in ambito psicologico, educativo e sociale.

Da anni lavora con un'attenzione particolare a disturbi d'ansia, depressione, dipendenze, gioco d'azzardo patologico, disturbi del comportamento alimentare, genitorialità.

Riceve a Cantù in via Uberto da Canturio, 18

a Milano in via Solari, 30


cell: 320.7521571


email: a.maruzzi@psicologa-como.it
a.maruzzi@psicologimilano.info

siti: psicologa-como.it
psicologimilano.info


 

 

 

 

LETTERE/OPINIONI

Obiettori di coscienza: come si stravolge la legge

di Selika Magatti

C’è una legge, la 194, che permette in Italia l’aborto assistito nelle strutture ospedaliere delle ASL. Come sempre quando in Italia si fa una buona legge, qualcuno ci mette lo zampino per fare in modo che questa venga stravolta: ed è proprio il caso di questa povera legge tanto discussa tanto bistrattata da risultare a volte inapplicabile.

Certi dottori. molti che si professano obiettori di coscienza, non sono credibili: anzi sospetto che alcuni di loro eseguano gli aborti in privato.

Gli ospedali dello Stato dovrebbero munirsi di un contratto nel quale ci sia una clausola dove gli obiettori di coscienza non debbano assolutamente essere assunti: se fai il medico, e in questo paese la legge consente l’aborto tu devi eseguirlo, altrimenti vai a lavorare da un’altra parte, magari in una clinica privata; è come se un poliziotto si rifiutasse di portare un’arma.

Quando era ancora obbligatorio il servizio militare agli obiettori venivano riservati dei posti in ufficio: ma anche lì le cose non andavano sempre per il verso giusto, si conoscono storie poco edificanti per l’esercito, ragazzi che venivano picchiati o peggio. Ma sono cose passate e non si può sempre guardare indietro.

Ricordo ancora le battaglie fatte dai Radicali per il divorzio e l’aborto. La Chiesa Cattolica non è riuscita a suo tempo ad avere il sopravvento ma lo stesso è riuscita a metterci dei paletti.

I fatti li conosciamo, solo qualche mese addietro una  povera ragazza è stata costretta ad abortire in un bagno senza l’aiuto di nessuno: spero che la Magistratura se ne sia occupata, ma soprattutto spero che qualche deputato voglia metter mano a questo odioso sistema di trattare le donne.

 

Meglio la parità, invece delle “quote rosa”

di Selika Magatti

Parliamo di donne.

Non sono affatto d’accordo sulle quote rosa, mi sembra quasi un insulto a tutte le donne intelligenti, solo per far posto ad alcune per un contentino.

Ci sono donne capaci e preparate, così come ci sono uomini con le stesse caratteristiche. E poi ci sono gli incapaci e i disonesti: non si possono misurare sul sesso, ora poi, con lo sdoganamento di vari generi, si potrebbero fare le quote gialle, verdi e che altro?

Si può parlare di differenze se pensiamo alla cura dei bambini: certo le donne dovrebbero essere migliori, anche perché è l’attività che hanno svolto per millenni. Anni fa si diceva che le donne non erano brave guidatrici, ma ora, dopo anni di esperienza, ci rendiamo tutti conto che sono bravissime anche sui Suv.

Gli uomini del resto hanno altre caratteristiche: ma queste differenze vengono solamente dalla pratica esercitata nel corso degli anni.

Riassumendo penso che la parità sia la cosa migliore, se ognuno di noi potesse scegliere il più meritevole ne saremmo tutti avvantaggiati, specialmente nelle cariche pubbliche: sappiamo tutti da quanti incapaci siamo amministrati e forse sono i peggiori.

 

 

 

La lista infame: Sono stati 154 i femminicidi nel 2013

 

Ndsl 2013 sono state uccise 154 donne, di cui il 75% nel contesto familiare o affettivo.
Tra il 2000 e il 2012 si contano complessivamente in Italia 2.200 donne vittime di omicidio, pari a una media di 171 all'anno, una ogni due giorni.
È quanto è emerso dal rapporto Eures-Ansa sull'omicidio volontario.

I PEGGIORI SONO I TEDESCHI.. È la Germania (con 350 vittime donne nel 2009, pari al 49,6% delle 706 vittime di omicidio totali e un indice di rischio pari a 0,8 per 100 mila donne residenti) a detenere il primato negativo, seguita dalla Francia (288 vittime, pari al 34,3% e un indice pari a 0,9) e dal Regno Unito (245, pari al 33,9% e un indice pari a 0,8).

OGNI 12 SECONDI una donna colpita da atti di violenza. Ogni giorno in Italia viene colpita da atti di violenza di genere (fisica, verbale e psicologica) una donna ogni 12 secondi.
Nell'ultimo anno con dati disponibili (il 2010) si sono contati oltre 105 mila reati di genere, pari a oltre 290 al giorno.
Più in dettaglio, ogni giorno 95 donne denunciano di aver subito minacce e 87 di aver subito ingiurie; 64 donne al giorno sono vittime di lesioni dolose, 19 di percosse, 14 di stalking, 10 di violenze sessuali.

Però, osservando un quadro più generale, si scopre che si uccide di meno in Italia.
Gli omicidi sono stati 526 nel 2012. Si tratta del minimo storico degli ultimi 40 anni.
Prosegue dunque la tendenza al calo delle uccisioni (-67,8% rispetto al 1990, quando erano state 1.633).
Il 30% delle vittime (159) sono donne, dato pressoché immutato rispetto al triennio precedente, nonostante la crescente attenzione mediatica sul femminicidio.

AL SUD MAGGIOR RISCHIO. Tra i Paesi europei l'Italia presenta uno degli indici più bassi (1 omicidio ogni 100 mila abitanti, a fronte di 1,9 in media nell'Ue).
Nel 2012 c'è stata una forte riduzione dei casi nelle regioni del Centro (-13,1%) e del Nord (-7,9%), mentre al Sud il dato è stabile (+0,4%). Proprio il Meridione si conferma l'area più a rischio, con 279 omicidi volontari nel 2012, pari al 53% del totale nazionale.
La Campania (90 omicidi) consolida il primato di regione più cruenta. Ma la Calabria è la regione più a rischio con 2,7 omicidi ogni 100 mila abitanti.

Più CASI IN FAMIGLIA, PIÙ DA CRIMINALITÀ. È sempre in famiglia che avviene il maggior numero di omicidi (175), ma il dato è in calo (-10,3%) rispetto al 2011. Mentre in forte aumento (+25,8%) risultano quelli compiuti dalla criminalità comune (122). Seguono quelli da criminalità organizzata (84).
Tra i 419 autori noti di omicidio volontario censiti nel 2012, il 91,4% è un uomo e l'8,6% donna.
Nel contesto familiare e affettivo la vittima è principalmente donna (61,1%), di età compresa tra i 25 e i 54 anni. Mentre il killer in oltre 9 casi su 10 è un uomo. Gli omicidi 'nella coppia' interessano quasi la metà delle vittime totali di uccisioni in famiglia.

 

 

LE NOTIZIE FLASH

La lista infame: