Sei qui:   Home

Agenzia del Farmaco: per pillola dei 5 giorni dopo vendita libera, ricetta per le minorenni

Giovedì 26 Marzo 2015 23:54 REDAZIONE
Stampa PDF

La pillola anticoncezionale dei cinque giorni dopo potrà essere acquistata dalle donne in farmacia direttamente e senza prescrizione: per le minorenni occorrerà invece la ricetta.

Leggi tutto...
 

Eures: nel 2013 un femminicidio ogni due giorni

Giovedì 26 Marzo 2015 15:52 REDAZIONE
Stampa PDF

Il 2013 è stato un anno nero per i femminicidi, con 179 donne uccise, in pratica una vittima ogni due giorni.

Leggi tutto...
 

LA CIRCONCISIONE: COSE' ?

Domenica 22 Marzo 2015 16:14 SELIKA MAGATTI
Stampa PDF

 

Che cosa è la circoncisione  maschile? La parola viene dal latino circumcidere, significa tagliare intorno.

 

Ultimo aggiornamento ( Domenica 22 Marzo 2015 16:22 ) Leggi tutto...
 

Migranti 2014: nel mondo 5000 morti, verso l’Italia 3400

Lunedì 16 Marzo 2015 12:57 REDAZIONE
Stampa PDF

Secondo l'ultimo report dell'IOM, l'organizzazione mondiale per le migrazioni, 4868 persone sono morte o risultano disperse tra gennaio e settembre 2014. Delle oltre 200mila persone che hanno tentato di attraversare il Mediterraneo, 3400 sono le vittime accertate.

Leggi tutto...
 

Tar Lazio su Nozze gay: “Solo i tribunali possono annullare le trascrizioni”

Martedì 10 Marzo 2015 01:48 REDAZIONE
Stampa PDF

 

Accolto il ricorso di alcune coppie contro l’annullamento della trascrizione di nozze gay celebrate all’estero deciso dai prefetti.

Leggi tutto...
 

Afghanistan, un’armatura contro la violenza di genere creata da una giovane artista

Mercoledì 04 Marzo 2015 19:26 ALESSANDRA BOGA
Stampa PDF

Kubra Khademi ha 25 anni ed è un’artista. Contro il dramma della violenza sulle donne, ancora molto comune in Afghanistan nonostante i talebani non siano più al potere, la ragazza ha deciso una singolare forma di protesta: costruire un’armatura, una corazza per difendersi.

Leggi tutto...
 

Turchia, le donne contro Erdogan per l’atroce assassinio di Ózgecan Aslan che ha resistito allo stupro

Sabato 21 Febbraio 2015 21:02 ALESSANDRA BOGA
Stampa PDF

Il fatto è accaduto la settimana scorsa nella città di Mersin, nel sudest della Turchia. Una ragazza, Ózgecan Aslan, 20 anni, studentessa di psicologia, ha cercato (con uno spray al peperoncino, come fanno migliaia di donne turche) di difendersi da uno stupro da parte dell’autista del pulmino che aveva preso per tornare a casa dall’università e lui l’ha uccisa.

Ultimo aggiornamento ( Sabato 21 Febbraio 2015 21:15 ) Leggi tutto...
 

Le foibe, 70 anni fa. È il Giorno del Ricordo

Martedì 10 Febbraio 2015 14:26 REDAZIONE
Stampa PDF

Il10 febbraio è il giorno del ricordo delle circa diecimila vittime, gettate nelle cavità carsiche, le cosiddette foibe, per volere del maresciallo Tito e dei suoi partigiani, in nome di una pulizia etnica che doveva annientare la presenza italiana in Istria e Dalmazia. Fra il 1943 e il 1947 oltre 10 mila persone furono gettate vive o morte in queste gole, un genocidio che non teneva conto di età, sesso e religione, riconosciuto ufficialmente nel 2004, con la legge numero 94 che istituì la «Giornata del ricordo», in memoria dei martiri delle Foibe e dell’esodo giuliano dalmata.

 

 

 

Mutilazioni genitali, 150 milioni di donne nel mondo le hanno subite di cui 39 mila sono presenti in Italia

Sabato 07 Febbraio 2015 14:13 REDAZIONE
Stampa PDF

Nel 2014 secondo l'ultimo rapporto dell'Oms tra 140 e 150 milioni di bambine e donne, in gran parte concentrate in 29 Paesi, sono state sottoposte nel mondo a qualche forma di mutilazione genitale femminile.

Leggi tutto...
 

Egitto, porta fiori ai martiri della rivoluzione e le sparano: attivista socialista muore tra le braccia del marito

Mercoledì 28 Gennaio 2015 11:22 ALESSANDRA BOGA
Stampa PDF

Si chiamava Shaimaa el-Sabbagh, aveva 31 anni, era una poetessa e apparteneva all’Alleanza popolare socialista.

Leggi tutto...
 

India, giovane prende per i capelli il suo molestatore e lo trascina dalla polizia

Martedì 24 Marzo 2015 23:05 ALESSANDRA BOGA
Stampa PDF

 

Ennesimo caso di molestie sessuali in India, ma questa volta la vicenda è a  lieto fine.

Leggi tutto...
 

Masih Alinejad e la lotta contro il chador obbligatorio in Iran

Giovedì 19 Marzo 2015 10:22 ALESSANDRA BOGA
Stampa PDF

Masih Alinejad, 38 anni, giornalista radiotelevisiva di origine iraniana che vive negli Usa, è diventata famosa per aver creato la pagina Facebook “My  Stealthy Freedom” (“La mia libertà clandestina”) sulla quale ha postato diverse sue foto senza il chador, il velo d’ordinanza in Iran, e ha invitato le connazionali a fare lo stesso.

Leggi tutto...
 

Afghanistan, uomini in burqa a Kabul per difendere i diritti delle donne

Mercoledì 11 Marzo 2015 15:24 ALESSANDRA BOGA
Stampa PDF

Uomini hanno indossato il  burqa, con cui di solito si coprono totalmente le donne, e hanno sfilato per le strade della capitale afghana giovedì 5 marzo scorso per affermare i diritti femminili

Ultimo aggiornamento ( Mercoledì 11 Marzo 2015 15:40 ) Leggi tutto...
 

8 marzo: per te amore mio

Sabato 07 Marzo 2015 11:25 REDAZIONE
Stampa PDF

Sono andato al mercato degli uccelli

E ho comprato uccelli

Per te

amor mio

Sono andato al mercato dei fiori

E ho comprato fiori

Per te

amor mio

Sono andato al mercato di ferraglia

E ho comprato catene

Pesanti catene

Per te

amor mio

E poi sono andato al mercato degli schiavi

E t'ho cercata

Ma non ti ho trovata

amore mio

 

Jacque Prevert

Ultimo aggiornamento ( Lunedì 09 Marzo 2015 09:22 )
 

Turchia e Azerbaigian, dopo l’omicidio di Özgecan Aslan uomini in minigonna contro le violenze sessuali

Giovedì 26 Febbraio 2015 10:24 ALESSANDRA BOGA
Stampa PDF

Ha scioccato la Turchia l’omicidio di Özgecan Aslan, studentessa ventenne di Psicologia uccisa a coltellate l’11 febbraio a Mersin, nel sud del Paese, per essersi difesa da uno stupro da parte dell’autista del minibus che avrebbe dovuto riaccompagnarla a casa.

Leggi tutto...
 

Bergoglio: “No ad una economia dell’esclusione e dell’inequità”

Sabato 14 Febbraio 2015 19:29 REDAZIONE
Stampa PDF

«No, a un’economia dell’esclusione e della inequità. Questa economia uccide»...« Attenzione: qui non siamo di fronte solo alla logica dello sfruttamento, ma a quella dello scarto; infatti “gli esclusi non sono solo esclusi o sfruttati, ma rifiuti, sono avanzi”.

Leggi tutto...
 

L’infibulazione, una mutilazione per impedire che la donna gioisca naturalmente dell’amore e sia menomata e schiava della violenza maschile

Sabato 07 Febbraio 2015 17:29 SELIKA MAGATTI
Stampa PDF

L’infibulazione dal latino “fibula” spilla, è la mutilazione genitale femminile e consiste nell’asportazione della clitoride, delle piccole labbra e di parte della grandi labbra vaginali con cauterizzazione e cucitura della vulva lasciando aperto un foro per l’uscita del mestruo e dell’urina.

Leggi tutto...
 

La storia di Sisa: si finge uomo per lavorare e aiutare la famiglia e non dovere chiedere l’elemosina

Sabato 07 Febbraio 2015 00:45 ALESSANDRA BOGA
Stampa PDF

Sisa dimostra più dei suoi 64 anni, perché ha avuto una vita durissima. Rimasta vedova al sesto mese di gravidanza, ha dovuto cominciare a lavorare (e sodo) per assicurare un futuro alla figlia Huda: cosa non scontata nella comunità dell’Alto Egitto:

Leggi tutto...
 

IL GIORNO DELLA MEMORIA: il campo di transito di Bolzano

Martedì 27 Gennaio 2015 15:21 REDAZIONE
Stampa PDF

Bolzano, dopo l'8 settembre, era divenuta capoluogo della zona d'operazione delle Prealpi, e si trovava dunque sotto il controllo dell'esercito tedesco. Entrò in funzione nell'estate del 1944, in vecchi capannoni del genio militare italiano, e nei circa dieci mesi di attività passarono tra le sue mura tra 9.000 e 9.500 persone.

Leggi tutto...
 

Notizie dalla Rete

LA BIBLIOFILA di Selika Magatti

Storie sofferte:

Helen Humphreys: Coventry, il bombardamento di Londra – La verità soltanto la verità, Adéle Hugo e il poeta Charles Saint-Beuve.

Fredrik Backman: L’uomo che metteva in ordine il mondo.

 

* Helen Humphreys, canadese nata nel 1961, letterata e poetessa, autrice di una raccolta di poesie e di diversi romanzi, tra cui “Leaving Hearth”, del 1997, “ Cani Selvaggi “ del 2007 “, Il Giardino Perduto “ del 2009 e “Coventry” del 2010, che ho letto: non mi ha entusiasmato anche se la scrittura è godibile. Narra la notte del 14 novembre 1940.  Il bombardamento su Londra, durato tutta la notte, perciò a volte gli accadimenti si ripetono uguali. Nel 2009 la Humphreys ha vinto il prestigioso Harbournfront Festival Price.

Nel 2011 esce “ La verità, soltanto la verità ” pubblicato da Playground, al contrario del primo questo l’ho trovato molte bello. E’ la biografia romanzata della moglie di Victor Hugo, Adéle, la sua storia d’amore con il poeta Charles Sainte-Beuve.

Adéle è attraente e non si spaventa davanti all’insolito, Charles al contrario è goffo e insicuro, ma nell’incontro matura in lui una speranza d’amore.

La storia si svolge a Parigi nel 1830, ci sono rivoluzionari e c’è soprattutto il colera. Charles ha un segreto, un’anomalia fisica che può impedirgli di vivere una storia d’amore completa. Victor Hugo non ne esce molto bene, ma spesso i grandi uomini sono piccoli nella vita quotidiana.

 

* L’altro romanzo che vorrei segnalare s’intitola “L’Uomo che metteva in ordine il mondo” di Fredrik Backman edito da Mondadori.

Svedese, giornalista e blogger di grande successo, racconta la storia di Ove, un personaggio curioso. All’inizio il racconto sembra poco interessante, ma diventa più intrigante nel prosieguo. Narra di un uomo infelice dopo la morte della moglie, ma la situazione cambia quando dei nuovi vicini invadono il suo spazio;  si fa coinvolgente nella lettura il cambiamento di Ove, che si lasca un poco andare  e si ammorbidisce.

Forse, come si sente dire spesso, ognuno di noi ha una parte buona e una cattiva, poi dipende dagli incontri che la vita, o il caso ci offre a determinare le nostre azioni. O no?

 

 

 

 

 

PSICOLOGA- PSICOTERAPEUTA

ANNA MARUZZI

Psicologa e psicoterapeuta, dopo la laurea in psicologia clinica presso l'Università degli Studi di Padova si è specializzata come psicoterapeuta presso lo Studio di Psicodramma di Milano. Svolge attività clinica individuale, di coppia e di gruppo. Conduce gruppi terapeutici, di supervisione e formazione in ambito psicologico, educativo e sociale.

Da anni lavora con un'attenzione particolare a disturbi d'ansia, depressione, dipendenze, gioco d'azzardo patologico, disturbi del comportamento alimentare, genitorialità.

Riceve a Cantù in via Uberto da Canturio, 18

a Milano in via Solari, 30


cell: 320.7521571


email: a.maruzzi@psicologa-como.it
a.maruzzi@psicologimilano.info

siti: psicologa-como.it
psicologimilano.info


 

 

 

 

LETTERE/OPINIONI

Obiettori di coscienza: come si stravolge la legge

di Selika Magatti

C’è una legge, la 194, che permette in Italia l’aborto assistito nelle strutture ospedaliere delle ASL. Come sempre quando in Italia si fa una buona legge, qualcuno ci mette lo zampino per fare in modo che questa venga stravolta: ed è proprio il caso di questa povera legge tanto discussa tanto bistrattata da risultare a volte inapplicabile.

Certi dottori. molti che si professano obiettori di coscienza, non sono credibili: anzi sospetto che alcuni di loro eseguano gli aborti in privato.

Gli ospedali dello Stato dovrebbero munirsi di un contratto nel quale ci sia una clausola dove gli obiettori di coscienza non debbano assolutamente essere assunti: se fai il medico, e in questo paese la legge consente l’aborto tu devi eseguirlo, altrimenti vai a lavorare da un’altra parte, magari in una clinica privata; è come se un poliziotto si rifiutasse di portare un’arma.

Quando era ancora obbligatorio il servizio militare agli obiettori venivano riservati dei posti in ufficio: ma anche lì le cose non andavano sempre per il verso giusto, si conoscono storie poco edificanti per l’esercito, ragazzi che venivano picchiati o peggio. Ma sono cose passate e non si può sempre guardare indietro.

Ricordo ancora le battaglie fatte dai Radicali per il divorzio e l’aborto. La Chiesa Cattolica non è riuscita a suo tempo ad avere il sopravvento ma lo stesso è riuscita a metterci dei paletti.

I fatti li conosciamo, solo qualche mese addietro una  povera ragazza è stata costretta ad abortire in un bagno senza l’aiuto di nessuno: spero che la Magistratura se ne sia occupata, ma soprattutto spero che qualche deputato voglia metter mano a questo odioso sistema di trattare le donne.

 

Meglio la parità, invece delle “quote rosa”

di Selika Magatti

Parliamo di donne.

Non sono affatto d’accordo sulle quote rosa, mi sembra quasi un insulto a tutte le donne intelligenti, solo per far posto ad alcune per un contentino.

Ci sono donne capaci e preparate, così come ci sono uomini con le stesse caratteristiche. E poi ci sono gli incapaci e i disonesti: non si possono misurare sul sesso, ora poi, con lo sdoganamento di vari generi, si potrebbero fare le quote gialle, verdi e che altro?

Si può parlare di differenze se pensiamo alla cura dei bambini: certo le donne dovrebbero essere migliori, anche perché è l’attività che hanno svolto per millenni. Anni fa si diceva che le donne non erano brave guidatrici, ma ora, dopo anni di esperienza, ci rendiamo tutti conto che sono bravissime anche sui Suv.

Gli uomini del resto hanno altre caratteristiche: ma queste differenze vengono solamente dalla pratica esercitata nel corso degli anni.

Riassumendo penso che la parità sia la cosa migliore, se ognuno di noi potesse scegliere il più meritevole ne saremmo tutti avvantaggiati, specialmente nelle cariche pubbliche: sappiamo tutti da quanti incapaci siamo amministrati e forse sono i peggiori.

 

 

 

La lista infame: Sono stati 154 i femminicidi nel 2013

 

Ndsl 2013 sono state uccise 154 donne, di cui il 75% nel contesto familiare o affettivo.
Tra il 2000 e il 2012 si contano complessivamente in Italia 2.200 donne vittime di omicidio, pari a una media di 171 all'anno, una ogni due giorni.
È quanto è emerso dal rapporto Eures-Ansa sull'omicidio volontario.

I PEGGIORI SONO I TEDESCHI.. È la Germania (con 350 vittime donne nel 2009, pari al 49,6% delle 706 vittime di omicidio totali e un indice di rischio pari a 0,8 per 100 mila donne residenti) a detenere il primato negativo, seguita dalla Francia (288 vittime, pari al 34,3% e un indice pari a 0,9) e dal Regno Unito (245, pari al 33,9% e un indice pari a 0,8).

OGNI 12 SECONDI una donna colpita da atti di violenza. Ogni giorno in Italia viene colpita da atti di violenza di genere (fisica, verbale e psicologica) una donna ogni 12 secondi.
Nell'ultimo anno con dati disponibili (il 2010) si sono contati oltre 105 mila reati di genere, pari a oltre 290 al giorno.
Più in dettaglio, ogni giorno 95 donne denunciano di aver subito minacce e 87 di aver subito ingiurie; 64 donne al giorno sono vittime di lesioni dolose, 19 di percosse, 14 di stalking, 10 di violenze sessuali.

Però, osservando un quadro più generale, si scopre che si uccide di meno in Italia.
Gli omicidi sono stati 526 nel 2012. Si tratta del minimo storico degli ultimi 40 anni.
Prosegue dunque la tendenza al calo delle uccisioni (-67,8% rispetto al 1990, quando erano state 1.633).
Il 30% delle vittime (159) sono donne, dato pressoché immutato rispetto al triennio precedente, nonostante la crescente attenzione mediatica sul femminicidio.

AL SUD MAGGIOR RISCHIO. Tra i Paesi europei l'Italia presenta uno degli indici più bassi (1 omicidio ogni 100 mila abitanti, a fronte di 1,9 in media nell'Ue).
Nel 2012 c'è stata una forte riduzione dei casi nelle regioni del Centro (-13,1%) e del Nord (-7,9%), mentre al Sud il dato è stabile (+0,4%). Proprio il Meridione si conferma l'area più a rischio, con 279 omicidi volontari nel 2012, pari al 53% del totale nazionale.
La Campania (90 omicidi) consolida il primato di regione più cruenta. Ma la Calabria è la regione più a rischio con 2,7 omicidi ogni 100 mila abitanti.

Più CASI IN FAMIGLIA, PIÙ DA CRIMINALITÀ. È sempre in famiglia che avviene il maggior numero di omicidi (175), ma il dato è in calo (-10,3%) rispetto al 2011. Mentre in forte aumento (+25,8%) risultano quelli compiuti dalla criminalità comune (122). Seguono quelli da criminalità organizzata (84).
Tra i 419 autori noti di omicidio volontario censiti nel 2012, il 91,4% è un uomo e l'8,6% donna.
Nel contesto familiare e affettivo la vittima è principalmente donna (61,1%), di età compresa tra i 25 e i 54 anni. Mentre il killer in oltre 9 casi su 10 è un uomo. Gli omicidi 'nella coppia' interessano quasi la metà delle vittime totali di uccisioni in famiglia.

 

 

LE NOTIZIE FLASH

La lista infame: