Cellulite: come combatterla con l’aiuto dei fanghi

GenioDonna   febbraio 7, 2017   Commenti disabilitati su Cellulite: come combatterla con l’aiuto dei fanghi

Cellulite e fanghi; due nemici giurati. Con la Primavera in arrivo è bene prendersi cura del proprio corpo per non farsi trovare impreparate durante le belle giornate di sole quando, maglioni e cappotti tornano ad essere riposti nell’armadio. La cellulite è sicuramente uno degli inestetismi peggiori capace di mandare in crisi tutte le donne e di spingerle a coprirsi e a nascondersi anche quando la temperatura si fa un po’ più calda. I fanghi, come quelli d’alga Guam, sono validi aiutanti del genere femminile nell’annosa guerra contro la pelle a buccia d’arancia e contro quegli inestetismi che non permettono di essere in pace e in armonia con il proprio corpo. Fin dall’antichità il fango, soprattutto quello termale, è stato utilizzato per risolvere problemi come: acne, pelle impura e piccole rughe. Grazie anche agli studi più recenti delle sue proprietà benefiche e terapeutiche ora questo rimedio naturale viene utilizzato non solo per brufoli e semplici impurità, ma anche contro la cellulite. E’ stato dimostrato come l’applicazione frequente riesca a migliorare visibilmente l’aspetto di gambe, glutei, cosce e addome affetti da cellulite.

cellulite

Cellulite: cos’è e come combatterla

La cellulite è un problema a livello del tessuto connettivo. In una determinata parte del corpo, ma soprattutto su natiche e cosce, le cellule adipose aumentano di volume creando quell’effetto bucherellato che poco piace a nove donne su dieci. Tutti hanno un piccolo strato di grasso posto sotto la cute, uno strato che funge da riserva di energia. Questo strato, però, a causa degli estrogeni che favoriscono la ritenzione di liquidi, nelle donne tende ad aumentare di volume e rompersi andando così a disperdere il contenuto di trigliceridi tra le cellule circostanti e a rigonfiare il tessuto adiposo. Le principali cause della cellulite sono quindi: la ritenzione idrica e la cattiva circolazione. Ecco perché serve applicare sul proprio corpo sostanze, come i fanghi, capaci di drenare e di dare tonicità alla pelle. Questo è solo uno dei rimedi naturali. Bisogna però aggiungere al trattamento con i fanghi anche una alimentazione sana e ben bilanciata, dell’attività fisica costante e regolare, ma soprattutto mirata a tonificare i muscoli. Per combattere la cellulite si deve infine: bere molta acqua ed evitare l’abuso di fumo, alcol e caffè.

Cellulite: perché proprio i fanghi?

I fanghi aiutano le donne a combattere la cellulite e sono uno dei migliori rimedi naturali contro tale inestetismo perché aiutano la microcircolazione locale grazie al calore e alle proprietà vasotoniche. Aumentano oltretutto anche la resistenza delle pareti cellulari andando così ad impedire alle cellule adipose di rompersi a causa della ritenzione idrica, e di andare a rigonfiare il tessuto adiposo circostante. I fanghi anticellulite sono in grado, infine, di assorbire le tossine in eccesso.

Il trattamento solitamente prevede l’applicazione nelle zone colpite dalla cellulite attraverso un pennello morbido. Dopo di ciò il massaggio invece, deve essere piuttosto energico. Solo così verrà favorita l’azione dei fanghi e degli elementi terapeutici racchiusi al loro interno. ‘L’intruglio magico’ dovrà rimanere in posa per circa quaranta minuti e solo dopo lo si potrà lavare via con acqua calda.