Dolori cervicali: sintomi e soluzioni

I dolori cervicali affliggono purtroppo un numero elevato di soggetti, prevalentemente di età superiore ai 40 anni. Spesso la problematica ha origini traumatiche, ma non è sempre così.

I sintomi principali


Il quadro clinico di chi soffre di problemi alle vertebre cervicali è abbastanza chiaro e noto e tende a complicarsi con il passare del tempo, fino a sfociare in alcuni soggetti al presentarsi di ernie alle vertebre del collo. I prodromi del problema sono costituiti da un occasionale torcicollo, o da un leggero dolore a questa parte del corpo, soprattutto nella parte posteriore. Con il passare dei mesi, o degli anni, è possibile che si presenti anche il mal di testa, la nausea, le vertigini, l’indolenzimento degli arti superiori, l’impossibilità di svolgere lavori pesanti che implichino l’utilizzo delle mani e delle braccia. Non tutti coloro che soffrono di dolori cervicali manifestano tutti i sintomi, e alcuni si manifestano solo in particolari situazioni. Ad esempio, molti soggetti hanno le dita indolenzite al mattino, appena svegli, ma tale sintomo scompare totalmente durante il resto del giorno.

Le soluzioni


La prima cosa da fare quando si soffre di dolori cervicali consiste nell’andare dal proprio medico, che potrà prescriverci dei farmaci antiinfiammatori e anche richiedere qualche esame approfondito, in modo da comprendere la natura del problema. Se infatti si soffre di ernia cervicale, sarà opportuno intervenire con le dovute cure. Molti soggetti invece manifestano sintomi anche gravi, causati principalmente da una postura scorretta, che si mantiene nel corso del tempo. In questi casi acquistare un buon cuscino cervicale e un materasso di ottima qualità si rivela spesso risolutivo, fino a far cessare completamente i dolori cervicali. Per scegliere il cuscino ortopedico per la cervicale conviene recarsi in un negozio specializzato, dove siano disponibili diversi modelli, di forme e materiali differenti. Ognuno soggetto infatti ha diverse necessità, dovute anche alla differente conformazione del collo o alla posizione che si mantiene durante il sonno.

Ulteriori soluzioni


Per molte persone correggere la postura quotidiana è un altro importante passo da fare per dimenticare i dolori cervicali. Evitare le brutte abitudini, come ad esempio sdraiarsi davanti alla TV su un divano o una poltrona non adatti, o tenere la cornetta del telefono tra orecchio e spalla, sono due classici esempi di comportamenti scorretti, che possono favorire l’insorgenza dei dolori cervicali. Lo stesso dicasi per la posizione alla scrivania: la sedia deve essere ergonomica e il monitor posizionato in modo corretto.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *